Branzino selvatico

Lorenzo Albrici

La mia passione per la cucina è iniziata fin da bambino, quando passavo le vacanze nei Grigioni e mi divertivo a esplorare ogni angolo dell’Hotel dei miei nonni.

Mi chiamo Lorenzo Albrici, sono nato e cresciuto a Bellinzona e dal 1998 lavoro come chef proprietario al Ristorante Locanda Orico di Bellinzona. La mia passione per la cucina è iniziata fin da bambino, quando passavo le vacanze nei Grigioni e mi divertivo a esplorare ogni angolo dell’Hotel dei miei nonni. Mentre giocavo finivo sempre per ritrovarmi a sbirciare nelle grandi cucine dell’albergo, affascinato da tutto ciò che questo piccolo mondo racchiudeva.

Ho quindi deciso di intraprendere l’apprendistato quale cuoco nel 1983. Ho poi passato diversi anni a lavorare come cuoco, durante le stagioni invernali nelle cucine di grandi Hotel dell’Engadina e nelle stagioni estive in grossi alberghi di altre importanti città svizzere.
Durante questo periodo ho potuto inoltre effettuare diversi stages di cucina in Italia e ho frequentato la scuola gastronomica francese di cucina ed enologia Ritz-Escoffier a Parigi.

Ho anche avuto la fortuna di coadiuvare la brigata del Ristorante di Frédy Girardet. Lì ho imparato la vera arte della cucina e quell’esperienza mi accompagna ancora oggi. Nel 1998, all’età di 30 anni, ho deciso di aprire a Bellinzona il Ristorante Locanda Orico e di ritornare così nella città dove ero nato e cresciuto ma dove non avevo mai lavorato. Il mio ristorante è un connubio tra il gusto italiano e quello francese e punta tutto sulla qualità. Una qualità che inizia dalla selezione dei prodotti, tutti freschissimi e di prima scelta. Propongo una cucina leggera, senza alterare gli alimenti e i sapori.

La nostra carta delle pietanze viene interamente sostituita all’inizio di ogni stagione e il menu di degustazione viene rinnovato ogni mese. Potete visionare entrambi nella sezione “Menu e Carta”.

Il ristorante è un connubio tra il gusto italiano e quello francese, puntando tutto sulla qualità. Una qualità che inizia dalla selezione dei prodotti, freschissimi.

Pavé di rombo chiodato in crosta di erbette e pepe rosa, vellutata al peperone dolce, riso venere

Preparazione di crudo di Fassona piemontese condita ai fiocchi di sale Maldon e all’extra vergine del lago di Garda, pomodorini dattero, burrata e acciughe del Cantabrico, sentori di basilico.